Sindrome da Long-COVID: Perché le donne ne sono affette più di frequente

2871: 0

Le possibili cause sono reazioni autoimmuni, grave stress psicologico e sociale e infiammazione del sistema nervoso.

Le possibili cause sono reazioni autoimmuni, grave stress psicologico e sociale e infiammazione del sistema nervoso.

Molti geni importanti per il sistema immunitario si trovano esclusivamente sul cromosoma X. Questi geni sono presenti due volte nelle donne e offrono uno spettro più vario di meccanismi di difesa. Inoltre, gli ormoni sessuali femminili, come gli estrogeni, hanno un effetto di stimolo del sistema immunitario. Per esempio, le donne producono più anticorpi e cellule di difesa circolanti rispetto agli uomini, per cui la loro difesa virale contro le infezioni è più attiva. Uno svantaggio è la maggiore suscettibilità associata alle malattie autoimmuni, in cui il sistema immunitario combatte le cellule del proprio corpo. Inoltre, secondo i risultati di un recente studio britannico, molti disturbi a lungo termine caratteristici del Long-COVID si verificano più frequentemente nelle donne. Secondo lo studio, i sintomi possono colpire dal 30 all'80% di coloro che sono guariti dal virus COVID-19, indipendentemente dal decorso della malattia stessa. I sintomi sono vari, con stanchezza, disturbi dell'olfatto o del gusto, disturbi del sistema respiratorio o del sistema nervoso che sono i più comuni e possono durare per mesi. Le infezioni sono associate a un forte consumo di vitamina C e possono causare carenze se la vitamina C non viene assunta in quantità sufficienti. Chiunque soffra di stanchezza dopo un'infezione da SARS-CoV2 dovrebbe quindi far controllare i propri livelli di vitamina C, poiché una forte stanchezza e affaticamento possono essere causati anche da una carenza di vitamina C.

Possibili cause

Nel frattempo, i ricercatori di tutto il mondo sono sulle tracce delle cause dei sintomi di lunga durata dopo un'infezione da SARS-CoV2 (Long-COVID). Vengono attualmente discusse tre possibilità: Reazioni autoimmuni, forte stress psicologico e sociale e infiammazione del sistema nervoso. 

Le prime due cause in particolare offrono una spiegazione del perché le donne sarebbero più frequentemente colpite dal cosiddetto Long-COVID. Le donne sono più inclini alla formazione di auto-anticorpi, diretti contro le cellule del proprio corpo. Questa reazione potrebbe essere favorita dai forti meccanismi di difesa in caso di un'infezione da SARS-CoV2. 

Inoltre, il carico psicosociale sulle donne è stato molto più elevato che sugli uomini dall'inizio della pandemia. Per esempio, sono state generalmente le donne a essersi fatte carico della cura dei bambini, la DAD (didattica a distanza) e dell'assistenza a famigliari in aggiunta al proprio carico di lavoro. La paura e la sensazione di non essere in grado di controllare una situazione sono note per essere responsabili dell'indebolimento del sistema immunitario. Ci sono paralleli con i sintomi di Long-COVID nella sindrome da fatica cronica, che può essere innescata dallo stress, per esempio.

Per la terza causa, ovvero i processi infiammatori nel cervello, non è il virus stesso a essere responsabile. Si tratta piuttosto di una reazione eccessiva del sistema immunitario, che può portare a un rilascio massiccio di fattori infiammatori. Come risultato, tra le altre cose, la struttura finemente calibrata delle sostanze messaggere nel sistema nervoso è enormemente disturbata ed è accompagnata da una mancanza di serotonina, dopamina e noradrenalina. Queste sostanze messaggere sono congiuntamente responsabili di tutta una serie di emozioni, come la contentezza e l'umore allegro.

D'altra parte, può essere causato un elevato stress ossidativo. Lo stress ossidativo è in realtà parte delle normali reazioni di difesa del corpo contro batteri e virus. I cosiddetti radicali liberi che vengono prodotti nel processo sono normalmente mantenuti a un livello sano dagli antiossidanti del corpo stesso, in modo che non possano verificarsi reazioni eccessive. Se non ci sono abbastanza antiossidanti, come la vitamina C e il selenio, l'"eccesso" di radicali liberi può danneggiare il corpo e portare a un'infiammazione cronica.

Soprattutto all'inizio di un'infezione, è necessaria un'elevata quantità di vitamina C per la difesa immunitaria: La concentrazione di vitamina C nelle cellule di difesa scende di circa il 50% in poche ore. È possibile che dal consumo elevato derivino delle carenze.

Luglio 2021

Grande gioia per le eroine e gli eroi dell’assistenza sanitaria: i bonus sono stati pagati!

100.000 € per il personale infermieristico dell'Ospedale Universitario di Giessen come premio per i loro instancabili sforzi durante la pandemia: con questa donazione inaspettata, Pascoe Naturmedizin ha donato agli infermieri un riconoscimento speciale alla fine dello scorso anno.

Tuttavia, essendo prima necessario superare degli ostacoli burocratici, non è stato possibile versare il bonus immediatamente, almeno fino al mese scorso. A tal fine, la direzione della società di medicina naturale di Giessen ha incontrato oggi i rappresentanti dell'ospedale. Dopo un discorso emozionante del direttore medico, il professor Seeger, del direttore commerciale, il Dr. Hinck-Kneip e del direttore infermieristico, il Sig. Zörb, il direttore di reparto Tobias Kempff ha consegnato un presente di ringraziamento portante le firme di molti dei beneficiari del bonus alla coppia dirigente Pascoe a nome di tutti gli infermieri.

"Specialmente in questi tempi difficili, è importante concentrarsi ancora e ancora su ciò che rallegra e dà forza. Come comunità, dovremmo apprezzare pubblicamente e riconoscere finanziariamente le prestazioni del personale infermieristico", ribadiscono gli amministratori delegati, Annette e Jürgen Pascoe. Specialmente come azienda familiare, lo sviluppo sostenibile è importante per la Pascoe Naturmedizin, anche per quanto riguarda i valori sociali. Fornire sostegno reciproco in tempi difficili dimostra l'apprezzamento per il lavoro di ogni individuo e rafforza la coesione sociale.